lunedì 30 marzo 2009

La Taurus Modello " 25 "

Il Modello "25" della Taurus rappresenta il massimo della complicazione e raffinatezza tecnica per quanto riguarda il sistema frenante : tutto completamente occultato all'interno dei tubi del telaio.
Solo i pattini dei freni sono visibili e scorrono su guide ricavate all'interno della forcella anteriore e del forcellone posteriore.
Le tiranterie sono interne come nel modello "19", ma i cavallotti sono sostituiti da piccole catenelle che possono scorrere internamente ai tubi delle forcelle. Un sistema di ingranaggi compensa la frenata.
Due viti poste nella parte anteriore del movimento centrale nel telaio consentono di accedere alle registrazioni.
Il risultato che ne consegue è una pulizia estetica delle linee della bicicletta di grande eleganza!
Già a cavallo tra la fine dell' 800 ed i primi del 900, con l'adozione della trasmissione a cardano e del freno anteriore con il tampone all'interno del canotto, si cercavano soluzioni di assoluta pulizia dell'estetica della bicicletta, priva di pesanti orpelli ed accessori.
Negli anni 20, la Bianchi proponeva una bicicletta al vertice della propria gamma con la sua più grande complicazione tecnologica : la Super Bianchi, caratterizzata anch'essa dal freno anteriore nascosto all'interno della forcella.
Il Modello "25" della Taurus è posteriore, ma ha superato in arditezza tecnologica qualsiasi altro modello per quanto riguarda l'occultamento della frenata, considerato all'epoca come il segno distintivo dei modelli più lussuosi e rappresentativi.
A cavallo della fine degli anni 30 ed i primi 40, la tendenza dei costruttori è quella di rastremare in basso la forcella anteriore, pur mantenendo inalterate le misure delle altre tubazioni del telaio, più avanti si assottiglieranno anche i tubi che salgono al canotto della sella.
Essendo il modello di punta, la "25" è stata dotata, per un periodo, di un cambio al mozzo Sturmay Archers con la leva direttamente avvitata ad un supporto saldato al tubo superiore del telaio ( come si può vedere dalle foto ). In altri casi era presente un mozzo anteriore ( sempre della Sturmay archers ) a tamburo laterale dotato di dinamo interna.
Gli aspetti estetici ( quali per esempio il carter dotato di oliatore, la presenza o meno di stemmi metallici, la tipologia dei parafanghi , ecc..) rispettano le caratteristiche proprie dell'anno di produzione.









1 commento:

  1. Bellissima. Elegante e raffinata,da pochissimo mi sono appassionato di bicilclette d'epoca e la Taurus è in assoluto la mia preferita appunto per i piccoli accorgimenti estetici e la linea pulita. Sto cercando una Modello 25 appunto da restaurare ma niente. Non è che per caso lei ne possiede una ?

    RispondiElimina